La cantina


Il vino è una specie di riso interiore che per un istante rende bello il volto dei nostri pensieri.
(Henri de Régnier, 1928, Lui o Le donne e l'amore).

Per tradizione di famiglia, il nettare degli dei è rappresentato non solo dal momento della degustazione, ma dalla consuetudine e dal rituale che si realizza durante la produzione. Infatti, secondo l’origine barlettana, la famiglia Dipalma ha sempre coltivato la vite da cui ottenere il vino secondo l'antica arte della vinificazione. Grazie alla cultura della ristorazione, Angelo Beppe e Luca hanno potuto recuperare tale antica tradizione con una consapevolezza che oggi permette loro di arricchire la cantina con grande passione e competenza.
La cantina del Vecchio Forno, interamente scavata nel sottosuolo, rappresenta uno dei fiori all’occhiello del ristorante. Nel tempo si è arricchita di una sempre più vasta selezione di vini, liquori e distillati provenienti dall'Italia e da tutto il mondo. Oltre alla presenza delle migliori bottiglie nazionali e francesi, è possibile apprezzare autentiche rarità enologiche: dal Sassicaia, al Tignanello, al Brunello di Montalcino, all'Ornellaia, al Solaia, al Barolo.
Per festeggiare un’occasione importante o semplicemente per coccolarsi con un calice di bollicine, la cantina dispone di importanti spumanti, e prestigiosi champagne francesi di diverse annate. Inoltre, per concludere un pasto in dolcezza, nella cantina del Vecchio Forno non manca un’ampia scelta di pregiati distillati scozzesi e una ricca e alternativa collezione di grappe, Whisky, Rum, Brandy, Amagnac e Cognac selezionati personalmente da Angelo, Beppe e Luca.